Parigi: Capodanno nella Ville Lumiere – parte 2




2 Gennaio: Parigi ti conosciamo!

A metà soggiorno non avevamo ancora esplorato Parigi dunque era il momento di farlo, il 2 gennaio sveglia presto e abbiamo iniziato a girovagare subito per la città. Prima tappa: Notre Dame!

Parigi

Col senno di poi siamo stati fortunati a vederla ancora nel suo splendore, auguriamo quindi alla capitale e alla cattedrale stessa di ritornare bella come era prima, come quando l’abbiamo vista noi, in ogni caso vi diamo lo stesso le informazioni su come raggiungerla perché ad oggi cattedrale, torri e cripta non sono visitabili e purtroppo non si hanno informazioni su quando tornerà visitabile (aggiornato al 26/09/19).

Per raggiungere Notre-Dame in metropolitana è possibile prendere la Linea 4 e scendere o a Cité o a Saint-Michel.

Se invece si proviene da altre zone della città è possibile prendere la Linea 1 o la 11 e scendere alla stazione Hôtel de Ville che è il Municipio della città.

Una alternativa può essere quella di prendere la Linea 10 e scendere alle stazioni di Maubert-Mutualité o anche Cluny La Sorbonne o anche optare per le Linee 7,11 e 14 scendendo alla stazione di Châtelet.

In ogni caso Notre Dame è una meraviglia dell’architettura, composta da stupendi lucernari e finestre fatte a mosaico come il celebre rosone che la distingue dalle altre cattedrali, la parte interna è principalmente costruita in pietra e ricca di tombe e statue, nella sagrestia inoltre era conservata la corona di spine di Cristo. Attraverso imponenti torri e possibile salire fino in alto per ammirare il paesaggio circostante.

Usciti da questa bellezza siamo andati in un posticino particolare, infatti siccome era il mio compleanno e vado matto per i dolci siamo andati in una creperie dove ad un prezzo di neanche 15 euro abbiamo pranzato mangiando una crepe salata, una dolce ed una bottiglia d’acqua, posto consigliatissimo e dove abbiamo deliziato il nostro palato.

Dopo la sosta pranzo, la tappa successiva è stata la Tour Eiffel!

Parigi

È raggiungibile tramite diverse linee della metropolitana, con la M9 fermata Stazione Trocadéro e con la M8 fermata Stazione Ecole militaire.

Abbiamo già spiegato lo spettacolo che si può ammirare ai piedi della Tour Eiffel dunque dopo averla ammirata da terra il 31 dicembre, perché non andarci sopra?

Noi abbiamo pagato 16,50 per accedere al secondo piano.

Vi consigliamo di acquistare il biglietto online in modo da evitare parecchi minuti di fila, anche perché avrete una fila anche per salire con l’ascensore.

Saliti in questo posto magico Alessia ci ha regalato uno dei momenti più romantici della nostra relazione dandomi il regalo di compleanno a cosi tanti metri da terra, in questa città, in questo monumento! Rimarrà uno dei momenti che ricorderemo per sempre.

La vista è molto bella, da lassù abbiamo notato la quantità impressionante di palazzi che profilano la città.

Scendendo al primo piano è possibile leggere un po’ di storia della torre, prendere qualcosa al bar o i macarons versione Tour Eiffel, andare nel negozio di souvenir a tema oppure nel caso vi vogliate regalare un pranzo o una cena indimenticabile andare al 58, il famoso ristorante sulla torre. I prezzi sono accessibili, dovrete però assicurarvi il posto anzitempo per ovvi motivi.

Dopo la visita poetica nel simbolo di Parigi siamo andati a vedere da fuori un altro simbolo della città, il Moulin Rouge. Ci siamo limitati solo a quello anche perchè gli spettacoli erano sold out quindi anche qui nel caso vogliate partecipare ad uno spettacolo è necessario muoversi d’anticipo.

Parigi

Si raggiunge con la Linea 2 fermata Blanche, è quasi d’obbligo per l’entrata vestirsi eleganti (non fatevi cogliere da inaspettati imprevisti) ed è vietato fotografare.

Toccata e fuga prima di dirigerci verso Montmartre, molto bella questa parte per la chiesa, per il panorama godibile dalla fantastica scalinata, ma soprattutto per gli artisti all’interno della piazzetta vicino a Montmartre che abbelliscono la zona con le loro musiche e le loro opere.

Tutto bello, tranne che per un episodio spiacevole accaduto proprio in questa zona dove alcuni venditori ambulanti cercavano in tutti i modi di farci acquistare dei braccialetti, tenendoci con vigore braccia o mano, molto maleducati e purtroppo ci ha lasciato un piccolo ricordo negativo. Se riuscite andate a Montmartre nelle ore pomeridiane.

Tempo di cena! Poco lontano da Montmartre siamo andati in un ristorante a provare ciò che abbiamo visto per anni tra film e cartoni animati, un piatto che dovevamo assolutamente provare: Les Escargots.

Ci hanno servito 6 gusci di lumaca condite con aglio e prezzemolo (al costo di 8 euro), abbiamo imparato ad usare gli attrezzi per tirarle fuori anche con ironia e gentilezza del cameriere e… le abbiamo buttate giù!

Non vi aspettate chi sa cosa, sono mangiabili ma non hanno chissà quale sapore ma è d’obbligo come esperienza solo per raccontarlo ad amici e parenti!

Usciti dal ristorante abbiamo realizzato un’ultima camminata lungo la Senna e sotto la Torre, siamo andati sul Trocadero per scattare meravigliose foto panoramiche con la costruzione di Eiffel che di sera brilla ed illumina la capitale per poi dirigerci verso l’hotel concludendo la giornata.

3 Gennaio: non si può essere a Parigi e non andare al Louvre

Nuovo giorno, nuova avventura! Dopo la consueta colazione ci siamo diretti in un altro must parigino, il museo del Louvre!

Parigi

Ve lo diciamo subito noi ogni giorno quando siamo in vacanza abbiamo voglia di fare chilometri su chilometri, ma lasciare il Louvre come ultimo è stato un errore che non ripeteremo la prossima volta che andremo a Parigi.

È possibile raggiungere il museo con la metro, fermata Palais Royal-Musée du Louvre e sarà possibile accedere o dalla parte commerciale o direttamente dalla piramide.

Il Museo del Louvre è gratuito il primo sabato sera del mese dalle ore 18:00 alle 21:45, a partire dal 5 gennaio 2019 nel caso andiate in un giorno diversi e non siate arististi,studenti o insegnanti è possibile acquistare il biglietto alle casse ad un costo di 15 euro.

Il Louvre come sapete è probabilmente uno dei migliori musei al mondo, tanto bello quanto grande e labirintico e non esageriamo dicendovi che servirebbero 2/3 giorni per vederlo a modo sotto ogni aspetto e siamo ancora dispiaciuti di non avere avuto le forze necessarie per farlo. Il 3 gennaio infatti abbiamo osservato le opere principali come il codice di Hammurabi, La libertà che guida il Popolo di Delacroix, Amore e psiche e l’incoronazione di Napoleone di David (di cui abbiamo preso pure un puzzle da 1000 pezzi!) e sua maestà la Gioconda.

Abbiamo girato diversi musei nel corso dei nostri viaggi, ma non abbiamo mai visto una fila ed un ammasso di gente cosi grande davanti ad un’opera d’arte! L’unica volta è stata con la Gioconda.

La visita al Louvre non potrà non piacervi, una camminata calma in questi spazi ampi e pieni di capolavori vi faranno passare ore piacevoli e aggiungeranno della cultura in più a voi stessi leggendo le didascalie, utilizzando l’audioguida a disposizione o ancora consultando l’app del museo.

Parigi

Dopo la lunga visita al museo durata tutta la mattinata ed un pranzo al volo al fast food avevamo appuntamento per le 16 alla crociera sulla Senna (abbiamo perso qualche ora perchè aveva piovuto ed inoltre la borsetta di plastica con il puzzle si era rotta e siamo dovuti tornare in hotel… piccoli incovenevoli haha).

Abbiamo preso il Battello Senna Bateaux Parisien al costo di 15 euro per una durata di circa 1 ora. L’esperienza ci è piaciuta tantissimo! Abbiamo navigato sulla senna passando per i monumenti principali di Parigi con l’audioguida che ci ha ripercorso la storia intorno allo storico fiume parigino. L’imbarco è previsto vicino alla Torre Eiffel e la navigazione andrà dalla  stazione fino alla Statua della Libertà di Parigi, qualche metro più in là rispetto alla Torre.

La crociera è davvero godibile e grazie alle vetrate si può apprezzare la città dall’interno (al caldo) ma potrete girare anche a piedi per il Battello o ammirare il paesaggio lungo i bordi esterni. La storia parigina raccontata attraverso le cuffie è davvero interessante!

Scesi dal battello siamo andati nell’unica attrazione di Parigi che non abbiamo visto a sufficienza, l’Arco di Trionfo. Scattata qualche foto ai piedi del maestoso monumento abbiamo battuto la via dei Campi Elisi andando a vedere sostanzialmente i negozi delle grandi firme, per finire la giornata e la nostra vacanza. Questa lussuosa via con le sue luci ed il suo viale alberato è probabilmente la via più spettacolare di Parigi.

Parigi è come tutti la descrivono e la sognano, una città completa che vi saprà stupire sotto ogni aspetto. Noi ci siamo innamorati di lei che ci ha conquistato facendoci commuovere a Disneyland, facendoci venire i brividi guardando la Tour Eiffel dal trocaderò e facendoci ballare di gioia in seguito al countdown all’arco di Trionfo.

Parigi è arte allo stato puro, non solo dal punto di vista architettonico e culinario, ma anche nel romanticismo e nel divertimento. E’ il viaggio da fare una volta nella vita… noi come sempre e purtroppo non abbiamo visitato tutto (ad esempio Versailles), quindi ci torneremo per innamoraci di nuovo…

Paris est tout petit pour ceux qui s’aiment d’un aussi grand amour.

Parigi è molto piccola per quelli che si amano con così tanto amore.

(Jacques Prevert)




Potrebbe anche piacerti:

Capodanno romantico nella Ville Lumiere – parte 1

Nel capodanno 2018 abbiamo realizzato probabilmente il viaggio più romantico di sempre, probabilmente scontato ma per due ragazzi innamorati come noi è stato da favola, si siamo andati nella Ville Lumiere, Paris mes amis!

Capodanno: 10 mete per iniziare il 2020 nel migliore dei modi

Lo sappiamo l’estate ormai è giunta alla conclusione e la tristezza vi sta salendo… noi invece vi invitiamo a tenere alta la carica e a pensare al capodanno che sta arrivando in modo tale da risparmiare e organizzare un inizio 2020 indimenticabile!In questo articolo vi andremo ad elencare e spiegare rapidamente le mete favorite sperando che vi siano d’ispirazione.

Gita a Cascais e Setubal

Continua il racconto del nostro viaggio in Portogallo dopo aver narrato delle nostre gesta a Lisbona e Sintra (vi invitiamo come sempre a recuperare i nostri articoli precedenti su queste mete), il nostro percorso stavolta prosegue con Cascais.

Questo articolo ha 3 commenti.

Lascia un commento

Chiudi il menu
x Close

Like Us On Facebook


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (1) in /web/htdocs/www.walkerstravel.it/home/wp-includes/functions.php on line 4552

Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (1) in /web/htdocs/www.walkerstravel.it/home/wp-includes/functions.php on line 4552